Guide
Guida all'acquisto

Per orientarti nel mondo delle vendite giudiziarie, comprendere le procedure corrette per partecipare alle vendite o cercare maggiori informazioni, consulta le pagine della nostra guida.

 
Bollettini
Benimobili
MATERIE PRIME E PRODOTTI » metri lineari di tessuto per arredamenti,ecc

metri lineari di tessuto per arredamenti,ecc

metri lineari di tessuto per arredamenti,ecc

Prezzo base € 7.595,00
Data vendita: 30.04.2019 alle ore 10:00

La vendita avrà luogo presso:Strada di Settimo 399/15
Con incanto
Scheda aggiornata il 29.10.2018 alle ore 15:08
TRIBUNALE DI CIVILE E PENALE DI TORINO

FALLIMENTO N. 262/2014

IVG 60/18



Il Fallimento n. 262/2014, dichiarato dal Tribunale di Torino, Giudice Delegato dott.ssa Cecilia Marino, Curatore dott. Alessandro La Ferla, in conformità al Programma di Liquidazione ex art. 104 ter l.fall., intende dare corso alla vendita dei beni mobili inventariati, in lotti distinti, dando mandato specifico in tal senso all’IFIR PIEMONTE Istituto Vendite Giudiziarie srl.



Modalità di vendita

La vendita avrà luogo il giorno 30 APRILE 2019 alle ore 10:00 e seguenti presso la sala aste dell’Istituto Vendite Giudiziarie in Torino – Strada di Settimo 399/15 al prezzo base di partenza di seguito indicato per ogni lotto.



Beni in Arignano (TO):

LOTTO 1) Magazzino merci:

Metri lineari 56.380 circa di tessuto per arredamenti; gabbie: “pezze piegate a metà”, a corpo;

Metri lineari 2.295 circa di tessuto per arredi “art seta” a corpo;

Tessuti e filati vari senza pregio e valore;

Circa 36 gabbie/cassoni con tessuti + 25 gabbie vuote.



E’ possibile consultare l’orario preciso della vendita la sera prima dell’asta, nell’home page www.ivgtorino.it sezione “CONSULTA L’ORARIO DELLA VENDITA DI DOMANI”.



N.B: SARA’ POSSIBILE VISIONARE I BENI ESCLUSIVAMENTE SU APPUNTAMENTO MEDIANTE MAIL UFFICIOFALLIMENTI@IVGPIEMONTE.IT



Per ulteriori chiarimenti ed informazioni contattare 011/473.12.17 interno 3



Al fine di rispettare la competitività della procedura il presente bando verrà pubblicato, oltre che sul Portale delle Vendite Pubbliche di cui all’art. 490, comma 1°, c.p.c. a cura del Curatore, anche sui siti www.astagiudiziaria.com – www.ivgtorino.it nonché sul Bollettino cartaceo delle aste dando mandato specifico in tal senso all’Ifir Piemonte Istituto Vendite Giudiziarie srl.



Clausola visto e piaciuto e altre

I beni che compongono il lotto/i, vengono ceduti secondo la clausola c.d. “visto e piaciuto”, rimossa ogni eccezione ora per allora, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, a corpo e non a misura, senza che il Fallimento assuma alcuna garanzia per quanto concerne tra l’altro (in via meramente esemplificativa) l’identità, la consistenza, la qualità dei beni, ovvero vizi anche occulti o mancanza di qualità, l’assenza di contenziosi o contestazioni sugli stessi, il funzionamento dei beni, lo stato di conservazione, la consistenza e/o l’idoneità e/o la conformità ad ogni vigente normativa tecnica, ambientale e di sicurezza.

L’Offerente, preso atto che la vendita costituisce una esecuzione forzata e dunque non soggetta alle norme in tema di vizi o mancanza di qualità, rinuncia, anche in deroga all’art. 1494 c.c., a qualsiasi eccezione al riguardo, nonché a qualsiasi azione diretta alla riduzione del prezzo, ovvero al risarcimento di danni, anche in via di rivalsa e/o della regresso, o al conseguimento di indennità o altro, quale che sia il titolo, o alla risoluzione dell’offerta e/o della compravendita, esonerando il Fallimento da ogni pretesa di terzi al riguardo, nonché da ogni spesa necessaria per l’adeguamento dei beni alle normative vigenti.

I beni dovranno essere asportati entro e non oltre quindici giorni dal perfezionamento dell’aggiudicazione a cura e spese dell’acquirente del lotto.

L’eventuale ritardo nell’asporto di tutti i beni compresi nel lotto aggiudicato comporterà una penale pari a € 200,00, per ogni giorno di ritardo rispetto al termine massimo sopra stabilito.

Entro detto termine l’acquirente dovrà liberare i locali presso i quali sono allocati da ogni bene e materiale compresi nel lotto aggiudicato, senza causare danneggiamenti ai locali medesimi. L’acquirente risponderà direttamente di ogni eventuale danno si venisse a creare ai locali nelle fasi di smontaggio e asporto.

La presentazione dell’offerta implica l’accettazione di tutto quanto previsto nel presente bando e delle clausole di cui sopra, che si intendono insindacabili ed inappellabili.
Ubicazione del bene
  • Via dell'Industria 4
    10020- ARIGNANO (TO)
Mappa
Informazioni sulla procedura
  • TORINO
  • N° IVG: 60/18
  • Fallimento N° 262/2014
  • Da mostrare per validazione xhtml